Torna al portfolio

Carraro Annual Review 2013

Carraro Annual Review 2013
Cliente

Il core business Carraro è incentrato su sistemi di trasmissione e assali, sulla progettazione e produzione di trattori speciali, sulla componentistica di precisione e su sistemi fotovoltaici, principalmente business B2B.


Lo strumento principale con cui l’azienda si presenta è l’Annual Review, un volume monografico che racconta le aree di business del Gruppo e visualizza i dati finanziari più significativi per i propri azionisti. In quanto importante oggetto di comunicazione ogni anno viene scelto un artista per raccontare il mondo Carraro dal proprio personale punto di vista e con un tema specifico come chiave di lettura, ad accompagnare i testi.

Per l'edizione 2013 del Review Carraro abbiamo lavorato con Jessica Backhaus, una delle migliori interpreti della fotografia contemporanea tedesca. Originaria di Berlino, ma vera e propria cittadina del mondo, ha vissuto molti anni a Parigi, dove nel 1992 ha avuto come affezionata maestra Giséle Freund; poi a New York, come assistente di diversi fotografi tra cui David LaChapelle, fino al 2009 quando ritorna nella sua città natale. Da qui inizia un percorso artistico che l’ha portata a pubblicare una serie di volumi di grande successo.

Il tema scelto quest’anno è stato quello di raccontare i luoghi dove i prodotti Carraro trovano applicazione, per contribuire a rendere ancora più comprensibile l’attività e l’ambito di intervento dell’azienda. Jessica era la persona adatta a interpretare la richiesta perché, oltre ad avere un sguardo molto personale e inedito, il suo approccio alla fotografia, come alle cose della vita, punta sempre alla ricerca di una chiave poetica, umana, sensibile, attenta.

Abbiamo viaggiato per un paio di mesi tra le fabbriche Carraro, i cantieri urbani di Milano, i vitigni di Valdobbiadene, le cave di marmo di Carrara e i campi arati della Val D'Orcia, incontrando operai, contadini, agronomi, viticoltori, cavatori; cercando di raccontare il lato affascinante, umano, tecnologico del mondo in cui Carraro opera quotidianamente.