Con oltre 140 gallerie italiane e internazionali partecipanti, “Arte in Nuvola” è il nuovo punto di riferimento del collezionismo italiano del Centro e del Sud Italia, un appuntamento che dal 2021 ha saputo colmare un vuoto nella proposta culturale della Capitale. Per la seconda edizione, che si è tenuta nella Nuvola di Roma dal 17 al 20 novembre 2022, l’ente organizzatore C.O.R ha deciso di affidarci la progettazione di una nuova identità visiva in grado di rispecchiare la qualità dell'evento.

La progettazione di un brand parte sempre dallo studio della tipografia: la scelta è caduta sul Colant, un font graziato ma molto disteso e razionale, in grado di rispecchiare la vocazione del progetto fieristico di porsi come luogo di incontro e dialogo ideale tra arte moderna e contemporanea. Con questo font abbiamo realizzato un logo estremamente mobile e versatile, composto da tre parole - Roma, Arte e Nuvola - utilizzabili insieme o separatamente a seconda degli spazi e dei contesti.

La sfida principale di fronte a un’offerta artistica poliedrica e versatile come quella di “Arte in Nuvola” era trovare un’immagine in grado di rappresentare tutte le discipline. Per questo abbiamo scelto il lavoro della fotografa Jessica Backhaus (L’Agenzia Micamera) e in particolare un’immagine tratta dalla serie Cut outs nella quale la poetica dell’artista tedesca si orienta verso l’astrazione attraverso immagini che emergono dalla combinazione di colori che sembrano vibrare tra loro.

Con la scelta tipografica e quest’immagine a predominanza blu abbiamo costruito il manifesto dell’iniziativa e tutti i materiali per i canali digitali, gli spazi interni alla fiera e anche per la comunicazione outdoor, che nei giorni precedenti alla manifestazione ha punteggiato le strade di Roma, riuscendo nell’intento di portare la contemporaneità dell’arte nella cornice immutata della Città Eterna.